Schweizerische Vereinigung der AOC und IGP

Home | Contatto | FB_logo.gif | Stampare | d | f | i | e

Tutela internazionale

La politica svizzera sui DOP-IGP ha creato una base giuridica per la protezione dei prodotti registrati contro la contraffazione e la frode, ma l'interesse per questa tutela non si ferma alle frontiere. Per l'industria e per i consumatori è essenziale che la tutela sia efficace in Europa e nel mondo.

Tutela di DOP e IGP svizzeri nell’Unione Europea e in Russia

Il sistema svizzero DOP-IGP è stato progettato compatibilmente con l’Europa fin dall'inizio. Dal 1 dicembre 2011, i DOP-IGP svizzeri sono riconosciuti e tutelati anche nell'UE e i DOP-IGP europei anche in Svizzera. I DOP e IGP svizzeri sono protetti anche in Russia. Il 1 settembre 2011 è entrato in vigore un accordo bilaterale che va ben oltre gli standard medi internazionali per la protezione reciproca delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di origine. La tutela si applica anche alle molte indicazioni geografiche russe e alle denominazioni di origine in Svizzera. A livello globale, le indicazioni geografiche ai sensi dell'accordo TRIPS dell'OMC godono di una certa protezione (cfr. cap. 6.1 FAQ e di seguito). Tuttavia, la protezione per i DOP e IGP, concessa oggi dall'Accordo TRIPS (art. 22 e 23), è del tutto insufficiente.

Tutela mondiale di DOP e IGP svizzeri

A livello internazionale, la protezione delle indicazioni geografiche nell'accordo TRIPS è regolata dall’OMC (Trade-related Aspects of Intellectual Property Rights / Accordo sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale). Oltre agli accordi bilaterali e multilaterali tra singoli Stati, l'Accordo TRIPS prevede regole più importanti in materia di protezione delle indicazioni geografiche, con due livelli di protezione:

  • Una protezione di base per tutti i prodotti con una indicazione geografica contro la contraffazione e la frode o la concorrenza sleale (Art. 22).
  • Una maggiore protezione per vini e alcolici, che sono protetti contro qualsiasi uso improprio delle denominazioni geografiche, anche se non sussiste un immediato pericolo di frode (Art. 23).

Questo squilibrio tra vini e alcolici, in relazione ad altri prodotti agricoli, non è giustificato. Tutte le indicazioni geografiche dovrebbero essere protette nello stesso modo anche se una frode al consumatore non è dimostrabile da una denominazione specificata in modo errato.

Come proteggere le indicazioni geografiche nei mercati emergenti (BRIC): Guida pratica di oriGIn all'attenzione delle organizzaioni di produttori.

© 2017 Schweizerische Vereinigung der AOP - IGP

topbacksitemapimpressum