Zum Inhalt springen
L’origine
Le persone con
il proprio mestiere artigianale
Il marchio di qualità

Tête de Moine AOP

Area geografica

L'area geografica comprende l'area montana e la zona di estivazione ivi compresa dei distretti Freiberge, Pruntrut, Moutier e Courtelary, i Comuni Saulcy nonché i lotti di terreno del caseificio Courgenay.

Produzione

Il Tête de Moine DOP, Fromage de Bellelay, viene prodotto con latte crudo. Le vacche da latte vengono nutrite principalmente con erba in estate, mentre in inverno soprattutto con fieno. L'alimentazione con foraggio insilato è vietata per tutto l'anno. Il latte deve essere lavorato entro 24 ore dalla sua mungitura. Viene cagliato in vasche di rame. Dopo la pressatura della cagliata, alla forma di formaggio viene applicata una marcatura in caseina per la sicurezza della rintracciabilità e viene immersa per almeno 12 ore in salamoia. Il formaggio viene trattato periodicamente con acqua salata durante la sua stagionatura. Ogni forma deve stagionare per almeno 75 giorni su tavole in legno di abete rosso nella zona geografica interessata.

Storia

La denominazione di Tête de Moine è nota dal 1790 circa. Il formaggio ha però una storia molto più antica. Già nel 1192, i monaci del monastero di Bellelay vennero citati per la prima volta in associazione a questo formaggio. Con l'invenzione della girolle nel 1981 da parte di un meccanico di precisione originario del Giura, inizio un nuovo capitolo nella storia del Tête de Moine. Dalla sua introduzione, ne vennero venduti 2,5 milioni di pezzi.